Cucina Romagnola: ritorno alle origini

Siete alla ricerca di ristoranti di pesce a Rimini? Vi piacciono i sapori genuini della cucina regionale? Bene: ilTriggio è ciò che fa per voi.

Questo locale si ripropone infatti di recuperare le ricette che le nostre nonne e le loro madri preparavano quotidianamente. Del resto l’Emilia Romagna è una terra in cui la tradizione enogastronomica ha radici antichissime ed un ritorno alle origini non può che regalarci piacevoli (e gustose) sorprese…

La cucina contadina: patrimonio regionale (e nazionale)

La cucina contadina è sostanzialmente una cucina fantasiosa, spesso povera ma non per questo disposta a rinunciare al gusto. Le donne di una volta erano infatti costrette ad arrangiarsi con quello che trovavano o con quel poco che potevano permettersi di acquistare. In loro aiuto però arrivava sempre Madre Natura con i suoi aromi, i frutti spontanei della terra e quant’altro. Ciò è vero sicuramente per la zona dell’Emilia Romagna, ma anche per tutte le altre regioni italiane.

Torniamo adesso alla cucina contadina: c’è un ristorante a Rimini in centro, che di queste antiche ricette ha fatto tesoro. Ci riferiamo a La S Romagnola. Tenendo fede alle più antiche tradizioni locali, lo staff di questo locale mette quotidianamente in tavola dei piatti caratterizzati da aromi intensi e da colori che catturano sin da subito l’attenzione.

Nemmeno a dirlo, gli ingredienti sono selezionati con cura e tutti di provenienza biologica. Molto utilizzati sono gli ortaggi, ma anche le carni ovine e la farina di grano duro. Volete sapere una cosa? Prima ancora di assaggiare una qualsiasi pietanza si percepisce quasi un senso di genuinità.

La cucina contadina: una scelta per il futuro

La cucina contadina ha indubbiamente origine in un passato ormai lontano. Tuttavia oggi sembra essere lentamente tornata alla ribalta. In questa moda del momento, per così dire, dovremmo forse trovare il segreto per approdare serenamente ad un futuro che per adesso si presenta all’orizzonte con tinte fosche.

Gli antichi sapori nascevano dall’esigenza di riutilizzare gli avanzi e di poter saziare, seppure con alimenti poveri, un numero sempre crescente di persone. Nella cucina contadina è insomma riposto il segreto della solidarietà e del rispetto dei ritmi naturali, dell’autosufficienza e della cessazione degli sprechi.

Continue Reading

Latte: efficace contro l’osteoporosi?

osteoporosiI prodotti lattiero-caseari sono le migliori fonti di calcio della propria dieta, e il calcio è il minerale principale per le ossa. Per questo motivo, le autorità sanitarie raccomandano di consumare tre bicchieri di latte al giorno.

Tuttavia, il rapporto latte osteoporosi sembra essere un po’ più complicato, con i paesi che consumano la maggior parte dei latticini che hanno anche la maggior presenza di sofferenti di osteoporosi. Qual’è la verità su latte e ossa?

Continue Reading

Le proprietà benefiche del formaggio

Alimento essenziale per la nostra vita, il formaggio ha un sapore gradevole e fornisce molte sostanze nutritive. Si può mangiare in diversi modi e in forme diverse, il che rende più facile mangiarlo ogni giorno. Ancora, ne esistono diversi tipi, per ogni palato: dal formaggio Asiago al pecorino Cademartori, dalla mozzarella fino al formaggio bitto, la lista potrebbe ancora continuare.

Considerando la sua importanza, quali sono le proprietà benefiche di questo alimento? Perché dovremmo mangiarlo?

Continue Reading

Ricette per Bambini: crostata alle fragole

Tra i cibi più amati dai bambini ci sono sicuramente le fragole e le torte. Queste ultime sono utili in quanto forniscono ai piccoli una buona quantità di carboidrati da sfruttare durante il giorno mentre le fragole contengono moltissime vitamine (sempre per fornire un apporto sufficiente di carboidrati consigliatissime le ricette per bambini che si possono realizzare coi Piccolini Barilla !).

Ma oggi parliamo di dolci: perchè non preparare una buonissima crostata alle fragole per i nostri piccini?

Cominciamo a preparare la crema pasticcera facendo sobbollire mezzo litro di latte con una stecca di vaniglia che lasceremo in infusione per circa 10 minuti. Nel frattempo useremo una frusta elettrica per lavorare 6 tuorli d’uovo con 150g di zucchero in una terrina e quando questi diventeranno bianchi e spumosi aggiungeremo molto lentamente 165ml di latte ancora tiepido e 50g di farina setacciata.

Versiamo questo composto in 335ml di latte e facciamo sobbollire continuando a usare la frusta elettrica e aggiungendo piccole quantità di latte freddo (circa mezzo bicchiere) finchè non si addensa e poi lasciamola raffreddare mentre prepariamo il resto della torta. Imburriamo e infariniamo uno stampo per torte e su questo poniamo un disco di pastafrolla. Prima di infornare a 180° per 40 minuti nel forno già caldo possiamo decorarne i bordi servendoci di una forchetta.

Per impedire che la pastafrolla in forno si indurisca possiamo coprirla con un disco di carta da forno. Dopo averla tolta dal forno e fatta raffreddare, possiamo riempire la pastafrolla con la crema pasticcera e partendo dall’esterno disponiamo le fragole tagliate a metà in cerchi concentrici. In un pentolino versiamo 250ml di acqua, 50ml di sciroppo di fragole, il succo di mezzo limone e 1 bustina di preparato per gelatina in polvere.

Mescoliamo bene il tutto e portiamolo a ebollizione a fuoco dolce per circa 2 minuti e una volta raffreddato versiamo questo sciroppo sulla crostata che lasceremo riposare in frigo per circa un’ora prima di servirla ai bambini.

Continue Reading